Ministero della Cultura

Menu
Sei in: Home / Musei

Pinacoteca nazionale di Sassari

Sassari

ORARI DI APERTURA:

 

martedì: 09.00 – 16:00

mercoledì: 09.00 – 16:00

giovedì: 09.00 – 16:00

venerdì: 09.00 – 16:00

sabato: 09.00 – 16:00

 

CHIUSURA:

domenica e lunedì

 

BIGLIETTO:

intero 6,00 euro

ridotto 2,00 euro

 

 

Ha sede nel centro storico della città e raccoglie oltre quattrocento opere, prevalentemente pittoriche, che documentano la produzione di diverse scuole ed artisti italiani ed europei dal medioevo ai giorni nostri. La collezione comprende anche una significativa rassegna di artisti sardi del primo Novecento ed una ricca sezione di grafica.

La Storia

Aperta al pubblico nel 2008, la Pinacoteca Nazionale di Sassari nasce dall’esigenza di rendere fruibile il ricco patrimonio di opere d’arte pervenute allo Stato grazie alle donazioni di privati. Nel 1875 Giovanni Antonio Sanna, imprenditore e uomo politico, donò alla città una considerevole raccolta di reperti archeologici e quadri, custoditi prima negli spazi di un edificio chiamato ‘Pinacoteca Comunale’, quindi nel Palazzo Ducale della città. Negli anni Ottanta del Novecento lo Stato ha acquisito l’ex Convitto Nazionale Canopoleno che, grazie ai suoi ampi spazi seicenteschi, è stato trasformato con un restauro e un allestimento museale in Pinacoteca Nazionale di Sassari.

L'Edificio

L’edificio che ospita la Pinacoteca Nazionale di Sassari venne edificato dai Gesuiti tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento e trasformato nel 1860 in un esclusivo Collegio dello Stato: il Real Convitto Canopoleno dei Nobili.

Negli anni settanta del Novecento le attività del Convitto Nazionale “Canopoleno” furono trasferite in una nuova sede e gli spazi dell’antico palazzo abbandonati all’incuria fino all’acquisizione dello Stato, che si occupò del restauro conservativo dell’immobile e dell’allestimento museale, grazie ai fondi del Gioco del Lotto.

La struttura dell’edificio è in muratura di tufo, gli spazi essenziali e severi caratterizzati da una suggestiva atmosfera solenne. Le pavimentazioni testimoniano le diverse epoche della costruzione: le più antiche sono in cotto, marmo e in battuto alla veneziana mentre la maggior parte degli spazi, del XX secolo, è rivestita in graniglia.

La Collezione

La ricca e articolata collezione include opere databili dal XIII al XXI secolo e questa collezione straordinaria rende la Pinacoteca di Sassari la più grande esposizione artistica presente in Sardegna.

Il crocifisso ligneo policromo datato alla fine del ‘200 è l’opera più antica, ma anche il Trittico dei Libri, della fine del ‘300, la Madonna col Bambino di Bartolomeo Vivarini e la Maddalena di Andrea Vaccaro testimoniano la ricchezza della raccolta.

Notevole è anche l’esposizione di dipinti di artisti sardi dell’Ottocento e primo Novecento – Giovanni Marghinotti, Antonio Ballero, Filippo Figari, Giuseppe Biasi, Carmelo Floris, Pietro Antonio Manca, Mario Delitala, Stanis Dessy, Eugenio Tavolara – e la raccolta di opere grafiche di Giuseppe Biasi e Stanis Dessy.

Santo Diacono, Maestro di Castelsardo

Tra le opere esposte anche la splendida tavola del XV secolo del Maestro di Castelsardo. Il pittore, esponente della corrente pittorica sardo-iberica, introdusse in terra sarda la pittura gotica di ispirazione iberica, le novità del rinascimento italiano e quelle fiamminghe.

Donazione Panicali, Carlo Battaglia

Nel 2010 la collezione si arricchisce con nove opere del pittore maddalenino Carlo Battaglia (1933-2005). I dipinti, incentrati sul tema del mare e delle isole (in particolare la sua La Maddalena alla quale restò sempre legato e dove si ritirò negli ultimi anni di vita), testimoniano il suo percorso artistico tra gli anni Sessanta e Novanta.

La Panattara di Cagliari, Giovanni Marghinotti

L’opera dipinta da Giovanni Marghinotti nel 1942 rappresenta “la sposa borghiggiana di Cagliari nell’atto che si abbiglia”: sa panettera - la popolana che fa o vende il pane, emblema della città - era identificata a Cagliari dal vestiario tipico, detto anche "de Villanova", dal quartiere cuore del centro urbano.

Indirizzo

Via Santa Caterina, 4
07100 Sassari

Proprietà

Ente MiBACT

Tipologia

Architettura-civile