Ministero della Cultura

Menu
Sei in: Home / Musei

Compendio Garibaldino

Caprera - La Maddalena

ORARI DI APERTURA:

 

lunedì: 8.30 – 19.30

martedì: 8.30 – 19.30

mercoledì: 8.30 – 19.30

giovedì: 8.30 – 19.30

venerdì: 8.30 – 19.30

sabato: 8.30 – 19.30

 

BIGLIETTO:

intero 7,00 euro

ridotto 2,00 euro

cumulativo 11,00 euro (Memoriale Giuseppe Garibaldi + Compendio Garibaldino).

 

Per maggiori dettagli consultare il sito dei Musei Garibaldini.

 

 

 

Il Compendio Garibaldino è il luogo – azienda e terreno agricolo – dove visse per oltre 25 anni l’Eroe dei due Mondi. Costituito da più edifici e circondato da un suggestivo giardino di alberi monumentali, è un sito ricco di fascino che racconta la vita, le occupazioni quotidiane e le vicende personali del Generale.

La Storia

Fino al 1882, anno della sua morte, il Generale visse a Caprera con i familiari all’insegna di una vita frugale: si occupò personalmente della cura dell’orto e del giardino, al centro del quale troneggia un maestoso pino piantato nel 1867, in occasione della nascita della figlia Clelia.

Il museo venne inaugurato nel 1976 e dal 2014 forma, insieme al Museo Nazionale Memoriale Giuseppe Garibaldi, il Sistema Museale di Caprera, complesso istituito dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

L'Edificio

Il Compendio Garibaldino è una dimora dall’architettura semplice che si sviluppa attorno ad un disimpegno centrale senza finestre dal quale si accede alla terrazza che domina tutto l’arcipelago.  Il nucleo originario della casa (ampliata nel 1861 e nel 1880), si sviluppa su una pianta quadrangolare, con la successione di sale intercomunicanti. Oltre alla “casa bianca”, il Compendio Garibaldino comprende anche: la prima casa di Garibaldi a Caprera, costituita da un preesistente ovile restaurato a cui venne aggiunta la casa in legno, giunta smontata da Nizza e rimontata a Caprera; la cosiddetta “casa di ferro”, dono dell’amico capitano Felice Orrigoni, una sorta di casetta prefabbricata in legno e rivestita in lamina di ferro, dove Garibaldi organizzò la biblioteca; i vecchi magazzini, all’interno dei quali è situata l’aula didattica.

La Collezione

All’interno della ‘Casa bianca’ sono conservati i cimeli dell’Eroe: le foto, i libri e i cimeli d’epoca, ma anche semplici utensili da cucina, attrezzi agricoli e armi che contribuiscono a ritrarre il profilo umano di una figura spesso ricordata unicamente per le grandi imprese militari. Nel giardino, all’interno di un sepolcro chiuso da una massiccia pietra grezza, è custodita la sua salma .

Sala dei Cimeli

All'interno della sala sono conservati il mantello bianco con giustacuore, una camicia rossa e un poncho sudamericano.

Camera matrimoniale

La camera matrimoniale conserva ancora il letto ortopedico che rese più sopportabile l'infermità di Garibaldi negli ultimi anni.

La tomba di Garibaldi

La tomba di Garibaldi, custodita da un grande masso di granito. Vicino al sepolcro del Generale hanno trovato sepoltura anche la moglie ed i figli.

Proprietà

Ente MiBACT

Tipologia

Architettura-civile